Impianto post estrattivo immediato IS-Four REVCON | Dott. Luca Comuzzi

Impianto post-estrattivo immediato IS-Four REVCON

Caso clinico di Comuzzi Dott. Luca

Descrizione del caso: Paziente donna di 40 anni. Viene con dente E mobile e dolente alla masticazione.
Si decide di fare un impianto post-estrattivo immediato e un innesto osseo nel gap estrattivo, con applicazione della vite di guarigione.
Dopo 3 mesi viene rilevata l’impronta con sistemi digitali Cad-Cam e realizzata una corona in disilicato cementata su T-base.


Protesi Cementata con Impianti cono Morse REVCON | Dott. Luca Comuzzi

Protesi cementata su impianti cono Morse REVCON

Caso clinico di Comuzzi Dott. Luca

Descrizione del caso: paziente di 16 anni con avulsione completa del gruppo anteriore 41-34 per evento traumatico.
Ripristino immediato con maryland per guarigione ed estrazione frammento radicolare dopo 3 mesi.
Dopo 5 anni posizionamento di 4 impianti Cyroth REVCON e applicazione di protesi cementata dopo altri 6 mesi.


Transepiteliale 1TO1 | Dott. Boglioni Michele

Transepiteliale 1to1

Caso clinico di Boglioni Dott. Michele

  1. Situazione iniziale 6 mesi dopo estrazione, notare il riassorbimento vestibolare;
  2. Posizionamento implantare subcrestale con contestuale applicazione moncone transepiteliale per mantenere vestibolarizzato il lembo;
  3. Controllo a 30gg dalla chirurgia (vite di guarigione posizionata contestualmente alla chirurgia);
  4. Radiografia giorno del posizionamento;
  5. Particolare tragitto epitelio connettivale in prossimità dl moncone transepiteliale;
  6. Controllo radiografico posizionamento provvisorio 40 giorni dalla chirurgia.


Tecnica KiSS REVCON | Dott. Boglioni Michele | Lab. Odontics

Tecnica KiSS

Caso clinico di Boglioni Dott. Michele | Laboratorio Odontics

Incisivo centrale fratturato con fistola vestibolare. Si programma estrazione con contestuale carico immediato. In seguito ad estrazione atraumatica si posiziona impianto REVCON IS-Four mediante chirurgia guidata. Si esegue rigenerazione vestibolare con osso eterologo misto ad autologo ottenuto dal processo di preparazione del sito. Viene applicata un innesto connettivale per mantenere il trofismo dei tessuti vestibolari ed una buona bozza alveolare. L’impianto viene protesizzato per  60 giorni con tecnica KiSS con conometria protesica utilizzando cappetta provvisoria in peek ribasando il provvisorio in pmma. Si rivede a 2 mesi per valutare maturazione tessuti. Il provvisorio  viene rimosso per modificare a piacimento tragitto transmucoso senza traumatizzare il tragitto epitelio-connettivale, gestendo in modo pratico ed immediato le compressioni, il tutto senza toccare l’interfaccia implanto-protesica.  Da notare aspetto tipico della protesi conometrica che non presenta irritazione da cemento, micro-movimenti a livello dell’interfaccia implantare e stabilità dei tessuti.


Tecnica KiSS RevCon | Dott. Comuzzi Luca

Tecnica KiSS

Caso clinico di Comuzzi Dott. Luca

Caso di Toronto superiore post-estrattivo a carico immediato con conometria implantare e protesica.
Cementazione con passivizzazione intraorale delle cappette nella protesi mediante resina composita.
Protesi Toronto rinforzata con resina termoindurente e fibra di vetro intrecciato.